Default text, this is the text that 3.x browsers will see You can have lot's of ˜ here in stead. Or you can use a script to write in text only if it's Netscape 4 (you have to do that so that the layer gets some content or the written in text won't show correct.


Cerca nel sito



HOME
Mi chiamo Rosa...
00. GALLERIA - i miei dipinti
01. Vincent Van Gogh
02. Paul Gauguin
03. Eugene Delacroix
04. Il Sublime...
05. Gustavo Rol
06. I Preraffaelliti
07. Frida Kahlo
08. I Viaggiatori dell'Infinito
09. wwNw
BIBLIOGRAFIA E FONTI
Eventi & Mostre
I MIEI OSPITI
Il SurjaForum



 Anthakarana
 Art Jewelry
 Blu Delfino Blu
 Gli Occhi del Drago
 Il Ponte dell'Arcobaleno
 Il Raggio Verde
 La Pietra Verde
 Le Pietre delle Fate
 Moonwitch
 Navaratna
 Rainbowbridge
 Saraswati
 Silvermoon
 Spazio Cucina
 Surja
 SurjaAge
 SurjaWorld

Torna alla Home del SurjaRing

Hai voglia di partecipare attivamente? Vuoi vedere pubblicato un tuo intervento inerente gli argomenti trattati all'interno di questo sito? INVIACI un messaggio illustrandoci l'argomento che desidereresti trattare: ti risponderemo al più presto richiedendoti l'invio del materiale, ed anche una tua foto, se vuoi.

Pubblicheremo gli interventi che, a nostro giudizio, saranno ritenuti più originali ed interessanti.
6.2. Le bateau ivre

Angeli dei Sette Chakra
Gli Angeli dei Chakra si rivolgono ad animi in cammino verso un sempre maggiore e consapevole equilibrio personale.
Donarsi o donare un angelo dei Chakra è un gesto colmo di simboli e significati.

Visualizza tutti gli Angeli dei Sette Chakra>>>
Il battello ebbro
Traduzione dal francese di Giorgio di Simone


Poiché discendevo dei Fiumi impassibili,
Non mi sentii più guidato dai barcaioli:
Dei pellirosse urlanti ne avevano fatto bersagli
Inchiodandoli nudi ai pali di colore.

Non mi preoccupavo di tutti gli equipaggi,
Portatore di frumenti fiamminghi o cotoni inglesi.
Quando, insieme ai miei barcaioli, finì questo chiasso
I Fiumi mi hanno lasciato scendere dove volevo.

Nei furiosi sciabordii delle maree
Io, l’altro inverno, più sordo dei cervelli infantili,
Corsi! E le Penisole salpate
Non hanno subito tohu-bohus più trionfanti.

La tempesta ha benedetto i miei risvegli marittimi.
Più leggero di un tappo ho danzato sui flutti
Che si chiamano eterni rotolii di vittime,
Dieci notti, senza rimpiangere l’occhio sciocco dei fanali!

Più dolce che per i bimbi la polpa delle mele pure
L’acqua verde penetrò il mio guscio d’abete
E macchie di vini blu e di vomito
Mi lavò, disperdendo timone e rampino.

Da allora mi sono immerso nel Poema
Del Mare, infuso d’astri, e lattescente,
Divorando i verdi azzurri, ove, fluttuazione livida
E rapita, un pensoso annegato a volte discende;

Dove, tingendo d’improvviso le azzurrità, deliri
E ritmi lenti sotto il rutilare del giorno,
Più forti dell’alcool, più vaste delle nostre lire,
Fermentano i rossori amari dell’amore!

Conosco i cieli crepati in lampi, e le trombe
E le risacche e le correnti: conosco la sera,
L’Alba esaltata come un popolo di colombe
E qualche volta ho visto ciò che l’uomo ha creduto di vedere!

Ho visto il sole basso, macchiato di orrori mistici,
che illuminava lunghe rigidità viola,
Simili ad attori di drammi molto antichi
Mentre i flutti svolgevano lontano brividi di volate!

Ho sognato la verde notte dalle nevi abbagliate,
Bacio che sale agli occhi dei mari con lentezze,
La circolazione di linfe inaudite,
E il risveglio giallo e blu dei fosfori cantori!

Ho seguito, per mesi completi, simili alle stalle isteriche,
I marosi all’assalto degli scogli,
Senza pensare che i luminosi piedi delle Marie
Potessero forzare il grugno degli Oceani asmatici.

Ho urtato, sapete, incredibili Floride
Mischiando ai fiori occhi di pantere a pelle
D’uomini! Arcobaleni tesi come briglie
Sotto l’orizzonte dei mari, a glauchi armenti!

Ho visto fermentare le paludi enormi, nasse
Ove marcisce fra i giunchi tutto un Leviatano!
Dei crolli d’acqua in mezzo alle bonacce
E i lontani versi degli abissi in cataratta!

Ghiacciai, sole d’argento, flutti di madreperla, cieli di brace!
Orride secche in fondo ai golfi bruni
Dove i serpenti giganti divorati da cimici
Cadono, dagli alberi ritorti, con neri profumi!

Avrei voluto mostrare ai bimbi quelle orate
Del flutto blu, quei pesci d’oro, quei pesci cantanti.
- Schiume di fiori hanno cullato le mie derive
E ineffabili venti mi hanno alato per istanti.

A volte, martire stanco dei poli e delle zone,
Il mare, il cui singhiozzo faceva il mio rollare dolce,
Saliva verso di me i suoi fiori d’ombra dalle gialle ventose
E rimanevo, così come una donna in ginocchio…

Quasi isola, sballottando sui miei bordi le liti
Ed escrementi di uccelli schiamazzanti dai biondi occhi
E vogavo, allorquando attraverso i miei fragili legami
Degli annegati scendevano a dormire, a ritroso!

Ora io, battello perduto sotto i capelli delle anse,
Gettato dall’uragano nell’étere senza uccello
Io, di cui i Monitori e i velieri d’Ansa
Non avrebbero ripescato la carcassa ebbra d’acqua;

Libero, fumante, sormontato di brume violette,
Io che bucavo il rosseggiante cielo come un muro,
Che porta, squisita confettura ai buoni poeti,
Dei licheni di sole e del moccio d’azzurro;

Che correva, macchiato di lunette elettriche,
Folle tavola, scortata da ippocampi neri,
Quando i Lugli facevano crollare a colpi di randello
I cieli ultramarini dagli ardenti imbuti.

Io che tremavo, udendo gemere a cinquanta leghe
La fregola dei Béhémots e degli spessi Maelstrom
Eterno filatore dell’immobilità blu
Rimpiango l’Europa dagli antichi parapetti!

Ho visto degli arcipelaghi siderali! E delle isole
I cui deliranti cieli sono aperti al vogatore:
- E’ in queste notti senza fondo che tu dormi e ti esili,
Milioni di uccelli d’oro, o futuro Vigore? –

Ma è vero, ho pianto troppo! Le Albe sono desolanti.
Ogni luna è atroce ed ogni sole amaro:
L’acre amore mi ha gonfiato di torpori inebrianti.
Oh, che il mia chiglia scoppi! Oh, che io vada al mare!

Se desidero un’acqua d’Europa, è la pozzanghera
Nera e fredda dove, verso il crepuscolo profumato,
Un bimbo accovacciato, pieno di tristezze, lascia andare
Un fragile battello come una farfalla di maggio.

Non posso più, bagnato dei vostri languori, oh marosi,
Togliere la loro scia ai portatori di cotone,
Né attraversare l’orgoglio dei vessilli e delle fiamme,
Né nuotare sotto l’occhio orribile dei pontoni.

Arthur Rimbaud
Bibliografia

- Arthur Rimbaud – Poésies – Ëdition critique – Introduction et Notes par H. De Bouillane De Lacoste. Paris Mercure de France XXVI, Rue de Condé, XXVI. MCMXLVII
- Rimbaud – la vita, la poesia, i testi esemplari – di Ruggero Jacobbi. Edizioni Accademia Milano 1974
- Rimbaud – Una poesia del “canto chiuso” – di Gianni Nicoletti, 1965 – Edizioni dell’Albero - Torino
- Arthur Rimbaud Opere – traduzione a cura di Ivos Margoni. Giangiacomo Feltrinelli editore Milano. Terza edizione maggio 2000

In riferimento alla recente legge del 2015 entrata in vigore il 2 giugno sui cookie, avvertiamo i visitatori che questo sito non utilizza cookie per raccogliere dati degli utenti ma solo cookie tecnici, necessari al funzionamento del sito e per consentire agli utente di accedervi.

Non dimenticare di iscriverti
alle NewsLetter di questo sito!



Vuoi un regalo dal SurjaRing?
clicca qui





Ti piace questo sito?
Invita anche un tuo amico a visitare il SurjaRing!
clicca qui



Collabora con noi!
C'è un argomento che ti appassiona
e desideri condividerlo nel web?
Hai voglia di diventare uno dei nostri?
Collabora con noi!
C'è uno spazio gratuito che ti attende
all'interno del SurjaRing.
Clicca qui




REGISTRATI
per ricevere novità
dal SurjaRing










Per la pubblicità su     questo sito clicca qui!

Segnala il SurjaRing     ad un amico

Partecipa al     SurjaForum

Fai di SurjaRing la tua     Home Page

Collabora con noi

Ascolta la SurjaMusica


Surja

Cristallidiluna

BluGanesha

Profumidoriente


Free Internet - Free e-mail
NAVIGA IN INTERNET con un accesso sicuro e veloce al costo di UNA TELEFONATA URBANA ed una casella e-mail con ANTISPAM e ANTIVIRUS!


ScambioBanner
Esponi un banner del tuo sito in SurjaRing!


SurjaTeam
Chi scrive in
SurjaRing?


Ars culinaria
La Locanda di Donna Sofia


SurjaForum
Partecipa anche tu al Forum del SurjaRing!


SurjaTeam
Chi scrive in SurjaRing?


Free Internet - Free e-mail
NAVIGA IN INTERNET con un accesso sicuro e veloce al costo di UNA TELEFONATA URBANA ed una casella e-mail con ANTISPAM e ANTIVIRUS!


I CHING
Consulta l'oracolo: un nuovo servizio offerto da SurjaRing


ScambioBanner
Esponi un banner del tuo sito in SurjaRing


SurjaForum
Partecipa anche tu al forum del SurjaRing!




SurjaTeam
Chi collabora con SurjaRing?

SurjaLink
I siti consigliati da SurjaRing

SurjaDono
Richiedi il dono del SurjaRing

ScambioBanner


powered by Neomedia

© Copyright Surja s.a.s. Tutti i diritti riservati.
È vietato utilizzare i contenuti di questo sito senza autorizzazione.